'Sternatia non può essere pulita solo con spazzamento meccanizzato', UIL Trasporti chiede un incontro

Sei in » »

Il segretario generale aggiunto di UIL Trasporti Lecce, Emanuele Nitto, scrive al sindaco di Sternatia ed al Prefetto, chiedendo un tavolo urgente sulla questione: 'La città non può essere pulita con il solo spazzamento meccanico. Rischio ambientale e per le famiglie'.


Spazzamento manuale delle strade chiesto un incontro (ph. https://gigaom.com)
Spazzamento manuale delle strade chiesto un incontro (ph. https://gigaom.com)

Sternatia. Urgente la richiesta di un tavolo tecnico, a Sternatia (rivolta, tra gli altri, oltre che al primo cittadino Massima Manera anche al Prefetto), di fronte a ciò che il segretario generale aggiunto UIL Trasporti Lecce, Emanuele Nitto, definisce “grave pericolo igienico-sanitario a cui vanno incontro i cittadini dall’1 Maggio”. Ciò in ragione della deliberazione di Giunta Comunale (N. 36 del 11.04.2017) nella quale si è “disdettato il servizio di spazzamento manuale all’azienda Bianco Igiene Ambientale”, rivela Nitto. Ciò, spiega sempre Nitto, provoca una duplice questione. “In virtù di tale provvedimento, l’azienda affidataria, ha già provveduto ad avviare le procedure di licenziamento e, nei giorni scorsi, le due unità part-time a 3 ore, previste per tale servizio, si sono viste recapitare con raccomanda il provvedimento di licenziamento. Le stesse sono in ferie dall’1 maggio, in attesa che il suddetto provvedimento divenga esecutivo”. Ciò, inoltre, davanti a dei lavoratori che presentano una situazione famigliare monoreddito. E se tale provvedimento dovesse trovare esecuzione, verrebbero esposti a grosse difficoltà economiche, rischiando di non poter far fronte al sostentamento minimo.

E poi, sostiene sempre Nitto, sopraggiunge la questione puramente ambientale. Con l’estate ormai alle porte, infatti, è necessario poter scongiurare – visto il conseguente aumento delle temperature e dei flussi turistici che interessano la zona – un eventuale rischio biologico. “La città non può essere pulita con il solo spazzamento meccanizzato – aggiunge il segretario UIL – peraltro non previsto tutti i giorni, poiché le vie ristrette ed i vicoli non permettono una pulizia accurata delle zone. A ciò si aggiunge la difficile rimozione degli escrementi di animali che, lasciati lungo le strade ed i marciapiedi, in alcun modo rimovibili mediante una spazzatrice, potrebbero recare forti disagi ai cittadini. Basti pensare, al guano dei piccioni portatore di malattie, come miceti del genere Cryptococcus e Chlamydophila psittaci, disseminati soprattutto attraverso le feci, rimangono vitali ed infettanti anche nelle feci essiccate e, a seguito dell'essiccamento, possono disperdersi nel pulviscolo atmosferico”.

Nelle considerazioni della delibera, riportata dal segretario Nitto nel comunicato inviatoci in redazione,  si legge testualmente: “che i costi complessivi del servizio sono in tendenziale aumento, anche a causa dell’assenza in Puglia di impianti di compostaggio” continua, “che al fine di scongiurare considerevoli incrementi dei costi del servizio e, conseguentemente, delle tariffe a carico delle utenze, domestiche e non domestiche, è necessario dismettere, a decorrere dal 01.05.2017, il servizio”.
Da un’analisi dell’importo del servizio aggiuntivo, l’incidenza dello stesso sul costo per ogni singolo cittadino, è pari a circa 1,90 € al mese. Al fine di una soluzione positiva del problema – conclude Nitto – con la presente siamo a richiedere un urgente incontro tra le parti sociali”.  

Approfondimenti per
  
Autore:
0 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |