'Selfie', tra moda e mania: online il videoclip della canzone dell'artista salentino Ludmann

Sei in » »

Online su YouTube il videclip di 'Selfie', canzone dell'artista Gino Manno (in arte Ludmann), realizzato da 'Honor Design' di Eugenio Palma. In coda all'articolo possibile visualizzare il video. Leccenews24.it ha intervistato l'autore del brano.


Ludmann durante un concerto (ph. fb Honor Design)
Ludmann durante un concerto (ph. fb Honor Design)

Lecce. La rete è il mezzo di comunicazione oggigiorno più utilizzato e non solo dalle giovani generazioni. Tutti, ormai, stanno acquisendo dimestichezza nelle quotidiane attività legate ai social, ad esempio. Tra queste, la frequentissima moda di scattarsi un selfie col cellulare e postarlo nelle personali bacheche. E “selfie” costituisce anche il titolo di una canzone scritta e cantata dall’artista Gino Manno, in arte Ludmann, contattato in mattinata dalla redazione di Leccenews24.it per una breve intervista. “Si tratta di un pezzo tratto dall’album Time’s Up, realizzato assieme al chitarrista Angelo Fumarola, e affronta questa quasi mania delle persone a realizzare gli autoscatti. Può essere una cena, o magari anche una posa”.

“Il video – prosegue Ludmann – è stato girato mediante riprese in esterna con ragazzi dalle varie origini etniche, ed anche una attrice che ha perfettamente interpretato un modo di essere tipico della società contemporanea, connesso al frenetico uso del web”. A realizzare tecnicamente il videoclip, invece, c’ha pensato “Honor Design” di Eugenio Palma.

Lo stesso Ludmann non nasconde affatto una buona dose di ironia inserita all’interno del brano musicale: “Il testo parla degli estremi dei selfie. Fotografie ai propri piedi con in bella vista i tacchi a spillo, oppure l’usanza di fotografare il cibo e gli animali. Estremizzare al massimo certi atteggiamenti sembra essere tipico del nostro periodo storico. L’obiettivo, allora, diventa pure quello di sensibilizzare il popolo di Internet affinché ragioni su determinati modelli comportamentali”.
“Da qui, allora – conclude Ludmann – l’invito agli utenti a rifletterci un po’ su cliccando sul video e ascoltando la canzone”. 
 

Approfondimenti per
  
Autore:
0 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |