​Una fan le confida di essere vittima di bullismo, Elodie si sfoga su Facebook: 'Alle medie mi prendevano in giro'

Sei in » »

Elodie Di Patrizi, dopo aver incontrato una fan che le ha confidato di essere vittima di bullismo, ha condiviso sulla sua pagina Facebook un episodio inedito che riguarda il suo passato. Poi l'appello: 'Non rimanete indifferenti di fronte alla violenza'


Elodie mentre firma gli autografi (ph Marco Perulli)
Elodie mentre firma gli autografi (ph Marco Perulli)

Dalla Puglia. Elodie, classe 1990, nata a Roma, ma Salentina di adozione è una delle cantanti più ascoltate del momento, merito anche del brano “Tutta Colpa Mia” con cui ha calcato per la prima volta il palco del Festival di Sanremo. La «cantante dai capelli rosa» lanciata dal talent Amici di Maria De Filippi sta girando l’Italia, da Nord a Sud, per promuovere il suo nuovo album, prodotto da Emma Marrione e Luca Mattioni, con cui sta scalando le classifiche musicali. Ma durante la tappa alla Feltrinelli di Palermo, dove ha incontrato i fan, è successo qualcosa che l’ha toccata così tanto da decidere di ‘condividerlo’ sul suo profilo Facebook.  Una confidenza che ha sorpreso e commosso i suoi supporter.
  
«Ieri ho conosciuto una ragazza, mi ha confessato che a scuola è vittima di bullismo e che nessuno fa niente per difenderla –  ha raccontato la 27enne –  Non potete capire quanta voglia mi sia venuta di fare qualcosa per lei, ma non potendo fare molto, voglio semplicemente raccontarvi una cosa».
 
Il lungo post continua con il ricordo del suo passato: «Per un breve periodo alle scuole medie venivo presa in giro perché non capivano bene la mia sessualità, mi chiedevano se fossi maschio o femmina e questo perché portavo i capelli corti… Poi si divertivano a chiamarmi “negra” perché mia madre è nera. Ci stavo male, ma facevo finta di nulla e a casa di nascosto piangevo, però poi la rabbia saliva e non accettavo il fatto di sentirmi messa in disparte e additata come “Diversa”, quindi ho cominciato ad avere atteggiamenti simili ai loro e mi sono nascosta dietro la rabbia e il finto menefreghismo». Ora i suoi capelli cortissimi e rosa fanno tendenza.
  
Poi lo sfogo e l’invito alle ragazze di rompere il silenzio: «Non fate lo stesso errore, difendetevi, ma rimanete quello che siete, io l’ho capito dopo tanti anni. La Diversità è forza! La Diversità è bellezza! Non rimanete indifferenti di fronte alla violenza, che sia fisica o verbale. Dobbiamo aiutare chi è in difficoltà, e chiedere aiuto se lo siamo».

Approfondimenti per
  
Autore:
0 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |