Vittorio Sgarbi a Lecce, 'Siate meno pigri e più orgogliosi della vostra splendida città'

In tour per promuovere il suo ultimo libro, il celebre critico d'arte e opinionista ha elogiato il capoluogo salentino durante l'evento organizzato da Federica de Benedetto a cui ha preso parte anche il candidato del Centrodestra, Mauro Giliberti.


Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi

Lecce. Che Vittorio Sgarbi sia un titano della cultura italiana e non è un dato di fatto e, certamente, non sta a noi darne conferma ma, ciò di cui è stato capace ieri, presso la centralissima Multisala Massimo di Lecce, ha davvero dello straordinario.
    
L’evento, organizzato dalla Vice Coordinatore regionale di Forza Italia, Federica De Benedetto, ha avuto come scopo principale quello di promuovere l’ultimo libro del noto critico d’arte, “Dall’ombra alla luce”, rapportandolo, quindi, a Lecce e al suo essere indiscutibilmente una città d’arte e di cultura.
    
Dopo alcuni scatti fotografici concessi all’esterno della struttura cinematografica ai tantissimi fan e qualche prevedibile battibecco tenuto con alcuni (pochi) immancabili detrattori, il professore ha quindi preso possesso del palcoscenico e non ci ha pensato due volte ad entrare immediatamente a gamba tesa su argomenti come Tap, magistratura, politica, sesso e matrimoni gay.
    
Ogni opera rinascimentale, spiegata con maestria, sapienza e una profondità tale da catturare occhi, orecchie e cuore di tutti i presenti, si è sempre risolta nell’occasione opportuna per non mandarle a dire ai vari Renzi, Vendola, Emiliano, Letta, Berlusconi e, più, in generale, a tutte le comparse della commedia dell’arte dei giorni nostri, protagonisti del brutto e del cattivo tempo di questo nostro sgangherato Paese.
    
Ma è Lecce, come si diceva, l’argomento intorno a cui, Sgarbi, fa più volte capolinea, “una città del meridione – ha affermato – che rappresenta l’esatto opposto di quella depressione, tristezza e povertà a cui il sud-Italia fa spesso e suo malgrado da sfondo.
    
Un centro capace di tanta bellezza
che non ha neppure bisogno di essere annoverata tra i patrimoni dell’umanità da parte dell’Unesco ma che, anzi, dovrebbe preoccuparsi proprio di non diventarlo un domani affinché, eventualmente, ciò sia un problema per l’Unesco stessa perché – ha continuato – Lecce non ne ha bisogno giacché, già da sola, è la meraviglia che è”.
    
Parole che, com’è possibile immaginare, hanno suscitato applausi a più riprese ma che hanno anche spinto a diverse riflessioni, soprattutto nel dibattito che ne è seguito fra lo stesso Sgarbi, l’azzurra De Benedetto, appunto, e il candidato sindaco del centrodestra, Mauro Giliberti, presente fin dai primi istanti a seguire, da dietro le quinte, la lectio magistralis del critico di Ro Ferrarese.
    
Una discussione che ha toccato più temi, dall’idea lanciata dalla stessa De Benedetto di rivedere la concezione che il Salento ha finora avuto del turismo affinché, da semplice attrattiva estiva, possa essere immaginato in un’ottica più culturale, inclusiva e rivolta a diverse fasce di utenti a quella dell’aspirante sindaco, Giliberti, che, se eletto, si è riproposto di invitare ancora Sgarbi a Lecce (anche a costo di andarlo a prendere in auto laddove altri voli per l’Aeroporto del Salento venissero soppressi) per mostre, eventi e, perché no, per delle visite notturne che possano raccontare ai leccesi le meraviglie di un barocco che, forse, neppure loro sono mai stati capaci di vedere.
    
Un’ultima carezza alla città lupiense, il guru della storia dell’arte ha voluta farla ritornando sulla, ancora, scottante questione della sconfitta rimediata contro Matera per aggiudicarsi il titolo di Capitale Europea della Cultura per il 2019.
 
“Lecce non ha bisogno di cose simili – ha detto – deve solo ricordarsi di essere sempre alla sua altezza, non come Matera che, quel titolo, dovrà dimostrare di esserselo meritato. Lecce deve solo far attenzione a non scendere e ad essere meno pigra, in questo modo – ha concluso – potrà vincere ogni sfida con chiunque e in qualunque campo”.
      
Luca Nigro

  

Vittorio Sgarbi a Lecce, 'Siate meno pigri e più orgogliosi della ...

Approfondimenti per
  
Autore:
0 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |