Oggi, a Santa Cesarea, un docente in pensione racconta un viaggio 'lungo un mondo'

A cinquant'anni dalla morte di Don Milani, il ricordo di un maestro, di un prete dalla parte degli ultimi, in scena stasera a Santa Cesarea Terme, presso l'Oasi d'Oriente, nell'adattamento di Mario Andreano.


Santa Cesarea Terme
Santa Cesarea Terme

Santa Cesarea Terme. I care, ritorna il motto  e ritorna   la lezione del grande maestro e  prete toscano, ritorna il grande monito ideale dell’esperienza della scuola di Barbiana, nella lettura di un docente magliese di lettere, ora in pensione,il prof. Mario Andreano.
  
Documentato racconto sulla vita e sulle opere di Don Milani, a cinquant’anni dalla morte, stasera alle 21,00, in scena  presso il Residence Oasi d'Oriente a Santa Cesarea Termee il 25 luglio, in replica, in Piazza Moro a Maglie. Il testo è di Claudia Cappellini.
  
Mario Andreano spera che in settembre anche le scuole vorranno aprire le porte a questo lavoro che nel suo adattamento narrativo racconta la faticosa conquista, in un’epoca difficile, dell'autonomia intellettuale, della libertà dalla schiavitù dell'ignoranza.
  
Don Milani seppe proporre, a suo tempo, l'acquisizione della cultura da parte dei diseredati come mezzo di riscatto, in particolare delle classi contadine, nelle attuali società industrializzate e il testo proposto questa sera, che a quelle vicende si ispira,vive delle testimonianze di Mario Rosi, Giovanni Bellini, Maresco Ballini, Clemente Romualdi, Teopisto Bonari, Ezio Palombo.
  
I loro ricordi ci narrano di giustizia, di libertà, di responsabilità, di studio, di conoscenza, in un pezzo di Toscana che, uscito dalla guerra, si preparava ad un'avventura industriale e sociale magnifica e pericolosa…
  
La parabola luminosa di don Milani verrà interpretata da Daniele Panaresee dallo stesso Mario Andreano, che saranno accompagnati dalla  sottolineatura di provocatorie musiche degli anni ’50 e da proiezioni sul tema in una suggestione di un'ora e mezzo di uno spettacolo che si preannuncia davvero significativo.          
  
Fausto Melissano

Approfondimenti per
  
Autore:
0 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |