​Tragedia a Pasquetta: sub annega all'alba durante un'immersione a Porto Selvaggio

Sei in » »

Una tragedia in mare si Ŕ consumata alle prime luci di questo lunedý di Pasquetta. Intorno alle 7.00 un sub Ŕ annegato durante una battuta di pesca. Inutili i soccorsi, il cuore dell'uomo, un pensionato di Nard˛, aveva giÓ smesso di battere


La Guardia Costiera in azione
La Guardia Costiera in azione

Nard˛. Una tragedia si è consumata nelle acque di Frascone, un'insenatura tra Porto Selvaggio e Sant'Isidoro, alle prime luci dell’alba. A perdere la vita è Cosimo Carafa, 65enne originario di Nardò, annegato durante una battuta di pesca nel tratto di mare a pochi passi dal parco naturale. Quando i militari della Capitaneria di Porto di Gallipoli sono riusciti a riportarlo a riva, per l’uomo – un collaboratore scolastico in servizio a Monteroni – non c’era più nulla da fare. Il suo cuore aveva già smesso di battere, probabilmente stroncato da un malore.
   
Le lancette dell’orologio avevano da poco segnato le 7.30, infatti, quando la motovedetta della Guardia Costiera è riuscita a riportare sulla terraferma il corpo del 65enne. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, l’uomo era uscito di buon mattino per una battuta di pesca subacquea, come aveva già fatto tante volte, quando sarebbe stato colto da un malore che gli ha impedito di rientrare. Con lui c’era un amico che ha lanciato l’allarme. I sanitari del 118, giunti a bordo di un’ambulanza, hanno tentato inutilmente di rianimare il pensionato neretino, fino a quando le speranze non si sono spente e hanno dovuto 'arrendersi' a constatarne il decesso.
   
La salma del 65enne, come disposto dal sostituto procuratore di turno Maria Vallefuoco, è stata trasportata nella camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove nelle prossime ore il medico legale eseguirà l’autopsia e tutti gli approfondimenti utili a chiarire le reali cause del decesso. Solo gli esami potranno avvalorare o meno la tesi del malore.
   
Sul posto anche i carabinieri della stazione di Nardò e una volante del locale commissariato di polizia. Sono in corso le attività di indagine da parte della Guardia Costiera volte ad appurare le dinamiche dell’accaduto.
 

Approfondimenti per
  
Autore:
0 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |