La forza vincente delle idee positive. Città dell'Aloe a Martano ha già innescato un circolo virtuoso

Sei in » »

Una rete spontanea di imprenditori e Pubblica Amministrazione, a Martano, è già una bella realtà. Il progetto Martano Città dell'Aloe, fortemente voluto da Domenico Scordari di Natura&Benessere, ha trovato il sostegno e la collaborazione importante di Perrotta Group


Acquafischiante - creazione Perrotta Group
Acquafischiante - creazione Perrotta Group

Martano. Quando gli obiettivi sono gli stessi e gli sforzi si muovono nella stessa direzione non si può non vincere. Creare sinergie. Questo il dichiarato obiettivo di Domenico Scordari dei laboratori  N&B di Martano; sinergie che superino una mentalità che fa ormai parte del passato. Alla base del progetto Martano Città dell’Aloe, il coinvolgimento di tutti i cittadini per realizzare un percorso che porti alla consapevolezza del proprio territorio.
 
Un’idea sicuramente vincente che ha messo subito in moto la generosità di altri imprenditori.
 
Il merito di aver aderito per primi a questa rete virtuosa è di Perrotta Group, azienda di Martano, leader nel settore dell’edilizia e dei restauri, che grazie alla nuova divisione Perrotta Steel&Wood, aggancia il settore dello Smart Urban Design e volge la propria attenzione ad una maggiore sostenibilità nel campo dell’arredo urbano.
 
Il gruppo Perrotta, con il suo team di architetti e designer, progettatori di prodotti ecosostenibili, impegnati nella costante e attenta ricerca di materiali e di sistemi tecnologici sempre più innovativi, hanno messo a disposizione di Martano-Città dell’Aloe, la più importante creazione del ramo Steel&Wood: il recuperatore d’acqua piovana Acquafischiante.
 
Il progetto Acquafischiante esprime al meglio le caratteristiche dello smart urban design e della smart city in quanto riutilizza l'acqua piovana senza spreco. Acquafischiante, è un elemento composto da una vasca e da una scultura ornamentale realizzata in resine ecocompatibili, oltre che da una vasca interrata ed un disoleatore nel quale vanno a conferire delle tubazioni provenienti da caditoie stradali e dai pozzetti di raccolta. È alimentato in maniera quasi totalmente passiva per mezzo di un pannellino fotovoltaico ed è concepito come elemento di arredo urbano, ma anche come elemento di arredo per spazi privati. Il pannello fotovoltaico appena visibile, serve ad alimentare il sistema di pompaggio dell’acqua piovana raccolta nella vasca che compone l'elemento di arredo e che ne consente il suo recupero ed il suo riutilizzo. Il sistema di pompaggio è, inoltre, dotato di sensori che consentono di misurare il livello di umidità del terreno circostante l'installazione e che permettono di monitorare la necessità di irrigare lo stesso terreno.
 
Il nome Acquafischiante riprende un oggetto della nostra tradizione: il fischietto di terracotta. Il desiderio di trasformare queste piccole sculture di terracotta, realizzate dalle sapienti mani degli artisti salentini, in un grande elemento di arredo urbano è alla base di questa affascinante e quasi avveniristica creazione. Dare vita ad un oggetto nuovo, moderno, connotato dall’identità salentina è stato il paradigma che ha mosso Perrotta Group nel percorso creativo di Acquafischiante.
Ecco, quindi, dimostrato come la sinergia auspicata da Domenico Scordari si sia già iniziata a concretizzare. Del resto queste due importanti aziende hanno ampiamente dimostrato che fare business con un mood etico e green, è l’unica direzione in cui ci si dovrà muovere nel futuro.
 
La crescita oggi può passare solo attraverso lo sviluppo sostenibile, sposando i progetti di salvaguardia ambientale. Tutte le strategie presenti e future di imprenditori e Pubblica Amministrazione, potranno e dovranno confrontarsi solo in questi termini per realizzare un mondo migliore da consegnare alle prossime generazioni.
 
Saper coniugare i nostri tradizionali valori e una maggiore attenzione al territorio consentirà di vincere una sfida che a Martano ha già il sapore della vittoria.
                          
Tiziana Protopapa

Approfondimenti per
  
Autore:
0 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |